In occasione della Festa della mamma la nuova iniziativa del gruppo editoriale iNetweek

Con la Gazzetta basta poco per fare un grande regalo alla tua scuola

Ritagliando il coupon sul giornale o inviando la propria foto si raccolgono punti per premi bellissimi

Stampa Home
Articolo pubblicato il 12/04/2017 alle ore 07:32.
Con la Gazzetta basta poco per fare un grande regalo alla tua scuola 2
Con la Gazzetta basta poco per fare un grande regalo alla tua scuola

Una tradizione del gruppo editoriale iNetweek che va avanti ormai da molti anni: festeggiare le mamme insieme alle scuole del territorio, dando la possibilità ai bambini di lasciare il proprio messaggio di auguri e, allo stesso tempo, donando materiale scolastico ai nostri istituti. 

Quest'anno, però, una mano la potete dare anche voi. Infatti è partita la prima edizione di "W la scuola", la nuova iniziativa del gruppo editoriale di cui fanno parte la Gazzetta della Martesana e la Gazzetta dell'Adda, che ha l'obiettivo di aiutare in modo concreto le scuole attraverso la raccolta di buoni che si trovano sul giornale. 

Fazzoletti, sapone, salviettem ma anche gessetti, quaderni e lucidi, per non parlare poi di palloni, corde e libri di testo. Tutto questo è a disposizione delle scuole basta... metterci la faccia. 

Sono due le modalità per raccogliere punti a favore della vostra scuola preferita (per partecipare la scuola deve aver aderito all'iniziativa Tanti auguri mamma):

  • ritagliando e compilando il modulo che trovate sul giornale e consegnandolo direttamente nelle scuole entro il 6 maggio
  • oppure inviando una foto insieme ai figli entro il 30 aprile. Ogni foto, infatti, darà tre punti bonus alla scuola prescelta

Per inviare le foto basta collegarsi al sito www.tantiaugurimamma.it dove troverete anche il regolamento completo e il catalogo dei premi messi in palio. 

Allora affrettatevi, perché anche voi potete fare tanto per la vostra scuola. Aiutateci a premiare chi, quotidianamente, fa tanto per i nostri bambini, per il nostro territorio, per il nostro futuro.

Territori

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica